Pagina 1 di 1

problema extra terrestre

MessaggioInviato: ven 11 mag 2007, 0:21
da Stea
se un extra terrestre viene da un'altra galassia, distante 10.000 anni luce, significa che quando lui giunge qui da noi il suo pianeta sarà invecchiato di almeno 10.000 anni luce?
potrebbe significare che la sua civilità si è estinta e lui è un sopravvisuto?
potrebbe essere considerato un colono in cerca di nuove terre?
cosà avrà pensato nei 10.000 anni luce che lo separano dal suo ex pianeta?


ne consegue che un extra terrestre è:
1) immortale (10.000 anni luce)
2) depresso (10.000 anni luce di rottura di marroni)
3) solo (civilità estinta e se un umano lo becca, lo accoppa)

è così dura la vita di un extra terrestre?

Re: problema extra terrestre

MessaggioInviato: ven 11 mag 2007, 10:33
da Nico
Stea ha scritto:ne consegue che un extra terrestre è:
1) immortale (10.000 anni luce)
2) depresso (10.000 anni luce di rottura di marroni)
3) solo (civilità estinta e se un umano lo becca, lo accoppa)

Sono extra terrestre al 66,6666666 %

Re: problema extra terrestre

MessaggioInviato: sab 12 mag 2007, 22:16
da MrAneddoto
Stea ha scritto:se un extra terrestre viene da un'altra galassia, distante 10.000 anni luce, significa che quando lui giunge qui da noi il suo pianeta sarà invecchiato di almeno 10.000 anni luce?
potrebbe significare che la sua civilità si è estinta e lui è un sopravvisuto?
potrebbe essere considerato un colono in cerca di nuove terre?
cosà avrà pensato nei 10.000 anni luce che lo separano dal suo ex pianeta?


ne consegue che un extra terrestre è:
1) immortale (10.000 anni luce)
2) depresso (10.000 anni luce di rottura di marroni)
3) solo (civilità estinta e se un umano lo becca, lo accoppa)

è così dura la vita di un extra terrestre?


cominci da un errore: un anno luce non è una misura temporale, ma una distanza (ovvero la distanza che percorre un fotone -velocità della luce- in un anno)

per rispondere alla tua domanda (anche se confusa) comunque... dipende è andato alla velocità della luce (sembrerebbe di si da quello che scrive)? in quel caso il viaggio è istantaneo per lui : 10.000 anni luce sono meno di un batter di ciglia.

comunque si, generalmente sono passati 10.000 anni sul suo pianeta (non anni luce). la cosa più bella potrebbe essere che per tornare sul suo pianeta (o se vuole avvisare il pianeta) ci metterebbe almeno altri 10.000 anni

Re: problema extra terrestre

MessaggioInviato: dom 13 mag 2007, 1:15
da Nico
MrAneddoto ha scritto:
Stea ha scritto:se un extra terrestre viene da un'altra galassia, distante 10.000 anni luce, significa che quando lui giunge qui da noi il suo pianeta sarà invecchiato di almeno 10.000 anni luce?
potrebbe significare che la sua civilità si è estinta e lui è un sopravvisuto?
potrebbe essere considerato un colono in cerca di nuove terre?
cosà avrà pensato nei 10.000 anni luce che lo separano dal suo ex pianeta?


ne consegue che un extra terrestre è:
1) immortale (10.000 anni luce)
2) depresso (10.000 anni luce di rottura di marroni)
3) solo (civilità estinta e se un umano lo becca, lo accoppa)

è così dura la vita di un extra terrestre?


cominci da un errore: un anno luce non è una misura temporale, ma una distanza (ovvero la distanza che percorre un fotone -velocità della luce- in un anno)

per rispondere alla tua domanda (anche se confusa) comunque... dipende è andato alla velocità della luce (sembrerebbe di si da quello che scrive)? in quel caso il viaggio è istantaneo per lui : 10.000 anni luce sono meno di un batter di ciglia.

comunque si, generalmente sono passati 10.000 anni sul suo pianeta (non anni luce). la cosa più bella potrebbe essere che per tornare sul suo pianeta (o se vuole avvisare il pianeta) ci metterebbe almeno altri 10.000 anni


Guardali li a preoccuparsi se sono depresso e solo.. :roll:

Re: problema extra terrestre

MessaggioInviato: dom 13 mag 2007, 11:40
da Alif Homswuord
MrAneddoto ha scritto: ... dipende è andato alla velocità della luce (sembrerebbe di si da quello che scrive)? in quel caso il viaggio è istantaneo per lui : 10.000 anni luce sono meno di un batter di ciglia.


Mi permetto di correggere viaggiando alla velocità della luce, per percorrere la distanza di 10.000 anni luce, il povero signore dei canguri rimarrà solo nell'astronave proprio 10.000 anni, e di conseguenza si sarà fatto due ammenicoli come due mongolfiere. :teacher:

"Sottoscrivi anche tu la campagna SALVIAMO GLI EXTRATERRESTRI DALLA NOIA, con una piccola offerta potremmo dotare le astronavi di playstation, connessione spaziowireless, e bambole gonfiabili.
Adotta anche tu un extraterrestre lontano da casa!"
:vader:

Re: problema extra terrestre

MessaggioInviato: dom 13 mag 2007, 13:03
da Stea
inventiamo un gioco di carte che si basi sullo spazio/tempo/luce/extraterrestri?
8) :lol:

Re: problema extra terrestre

MessaggioInviato: dom 13 mag 2007, 23:01
da MrAneddoto
Alif Homswuord ha scritto:
MrAneddoto ha scritto: ... dipende è andato alla velocità della luce (sembrerebbe di si da quello che scrive)? in quel caso il viaggio è istantaneo per lui : 10.000 anni luce sono meno di un batter di ciglia.


Mi permetto di correggere viaggiando alla velocità della luce, per percorrere la distanza di 10.000 anni luce, il povero signore dei canguri rimarrà solo nell'astronave proprio 10.000 anni, e di conseguenza si sarà fatto due ammenicoli come due mongolfiere. :teacher:



non secondo la fisica che conosciamo. in sostanza per un fotone non passa nessun tempo da ora quando sarà a tra un anno luce quando sarà altrove, mentre passa un anno per me che lo guardo partire.
in un certo senso si troverà contemporaneamente sia di qua che di là, ma in realtà sarà solo da una parte (perché si suppone che sia leggermente più lento, anche uno 0,0000000000000000000000000000000000001 va bene)... non so se mi spiego (anche a me la speigarono male).

superare la velocità della luce è impossibile secondo le teorie attuali perché vorrebbe dire essere in due posti contemporaneamente, quindi fare un viaggio a ritroso nel tempo :!:

tutto questo parlando davanti a un caffé con un fisico....

Re: problema extra terrestre

MessaggioInviato: lun 14 mag 2007, 10:31
da Nico
MrAneddoto ha scritto:tutto questo parlando davanti a un caffé con un fisico....

perfino un fisico è meno solo di un alieno...

Re: problema extra terrestre

MessaggioInviato: lun 14 mag 2007, 14:52
da Alif Homswuord
MrAneddoto ha scritto:non secondo la fisica che conosciamo. in sostanza per un fotone non passa nessun tempo da ora quando sarà a tra un anno luce quando sarà altrove, mentre passa un anno per me che lo guardo partire.
in un certo senso si troverà contemporaneamente sia di qua che di là, ma in realtà sarà solo da una parte (perché si suppone che sia leggermente più lento, anche uno 0,0000000000000000000000000000000000001 va bene)... non so se mi spiego (anche a me la speigarono male).

superare la velocità della luce è impossibile secondo le teorie attuali perché vorrebbe dire essere in due posti contemporaneamente, quindi fare un viaggio a ritroso nel tempo :!:

tutto questo parlando davanti a un caffé con un fisico....


Bhe si... e no...

Qui mi sa che c'è un po di confusione :P

Mi riserbo di rispondere adeguatamente non appena avrò un pò più di tempo. :D

MessaggioInviato: lun 14 mag 2007, 15:39
da L'assassino
secondo moderne teorie teorie lo spazio non è lineare ma contorto, quindi in teoria sarebbe possibile "tagliare le curve dello spazio" ottenendo come risultato di percorrere distanze immense in un attimo.
insomma una specie di portali dimensionali
teorie sostengono pure che i buchi neri siano proprio questo:"punti di contatto tra 2 anse dell'universo"

il nostro alieno potrebbe essere più veloce della luce :D

MessaggioInviato: lun 14 mag 2007, 16:48
da Nico
dipende quanti spaziogrill ci sono sul suo percorso...

MessaggioInviato: lun 14 mag 2007, 22:11
da la Vice
...ma quanto tempo avete?... :shock: